TEGLIA DI VERDURE E FORMAGGIO GRATINATE

Oggi vi parlo di una ricetta che a casa mia piace moltissimo: la teglia di verdure e formaggio al forno.Si tratta di un modo sfizioso e goloso per far mangiare le verdure anche a chi non le gradisce particolarmente: l’aggiunta delle lamelle di formaggio (per me Asiago stagionato) e di una saporitissima panure rendono questa preparazione una vera bontà.Le quantità e la varietà delle verdure sono solo indicative: in realtà si possono utilizzare le verdure che più piacciono o che, semplicemente, si hanno a disposizione.Anche per quanto riguarda il formaggio è possibile utilizzarne di diverso tipo: Montasio, Provolone, caciotta o fontina saranno perfetti… Eviterei solamente di usare formaggi freschi, in questo caso.Le verdure non necessitano di una prima cottura: si affettano e si dispongono a raggiera su una teglia oliata. Per terminare un generoso filo d’olio e una panure con pangrattato, parmigiano ed aromi… Niente di difficile quindi… Cosa dite?! La prepariamo insieme? Venite che vi racconto questa facile e preziosa ricetta…

Ingredienti:
-2 zucchine-1 melanzana lunga-3 pomodori maturi ma sodi-2 peperoni-1 cipolla (io di Tropea)-2 patate-150 gr di Asiago stagionato
Per la panure:
-3 cucchiai di pangrattato-3 cucchiai di parmigiano-1 spicchio d’aglio-prezzemolo-sale-peperoncino-olio d’oliva

Cottura: 1 ora a 190°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: lavare ed asciugare tutte le verdure. Eliminare semi e filamenti dai peperoni e tagliarli a fette.Sbucciare le patate ed affettarle.Sbucciare la cipolla e tagliarla a grosse fette procedendo con delicatezza affinché le fette non si dividano ad anelli.Spuntare le zucchine e la melanzana e tagliarle a fette.Affettare anche i pomodori e l’Asiago. Ungere dunque una teglia con un filo d’olio e disporvi le verdure a raggiera alternandole alle fette di formaggio. Salare, aggiungere il peperoncino e profumare con l’origano.Preparare la panure con il pangrattato, il parmigiano, il prezzemolo tritato, lo spicchio d’aglio tritato finemente, il sale e il peperoncino.Distribuire la panure sulle verdure ed irrorare con un filo d’olio.Infornare in forno preriscaldato per il tempo indicato, azionando negli ultimi dieci minuti il grill per far sì che si formi una deliziosa crosticina. 

Servire la teglia tiepida come contorno o come sfizioso secondo.

PIZZETTE DI MELANZANE

Le pizzette di melanzane rappresentano un antipasto leggero e goloso.
Sono semplici e veloci da realizzare: io le preparo spesso, soprattutto nella stagione estiva, e le farcisco semplicemente con salsa di pomodoro, scamorza, origano e qualche fogliolina di basilico per profumare il tutto.Naturalmente, secondo il vostro gusto personale, potrete poi aggiungere delle acciughe, qualche cappero,  qualche cubetto di prosciutto, del tonno  e, in sostituzione della scamorza, potrete scegliere di utilizzare  il formaggio che più vi piace (vanno bene provola, asiago, montasio o la mozzarella di bufala).Io le preparo con le melanzane lunghe, ma se volete realizzare delle pizzette di melanzane più grandi dovrete scegliere quelle tonde.Allora vediamo insieme come realizzare queste squisite e particolari pizzette…

Ingredienti:
-2 melanzane lunghe di medie dimensioni-200 ml di polpa di pomodoro-200 gr di scamorza (anche affumicata, se la preferite)-parmigiano grattugiato -olio extravergine d’oliva-sale-pepe-origano
Cottura: 15 minuti  a 180° per le fette di melanzana + 10 minuti alla stessa temperatura per le pizzette farcite
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: tagliare a fette sottili le melanzane (sette-otto millimetri), cospargerle di sale fino e lasciarle riposare per almeno quindici minuti affinché perdano l’acqua di vegetazione.Passato questo tempo sciacquarle e asciugarle con un canovaccio.Praticare dei piccoli tagli sulle fette di melanzana.Disporre quindi le fette in una teglia rivestita con la carta forno, irrorarle con un filo d’olio e infornarle in forno preriscaldato alla temperatura e per il tempo indicati.Nel frattempo mettere la polpa di pomodoro in una ciotolina e condirla con sale, origano e un paio di cucchiai di olio.Quando le fettine di melanzana sono pronte, sfornarle e condirle con la salsa di pomodoro.Aggiungere quindi un pizzico di parmigiano e una fettina di scamorza .Profumare nuovamente con l’origano e terminare con un goccio d’olio. Infornare nuovamente per una decina di minuti.Prima di servirle decoratele con le foglie di basilico… Sono buone calde, tiepide o fredde.Le pizzette di melanzane sono pronte… Un abbraccio, la Chicchina.

ZUCCHINE RIPIENE CON TONNO E MOZZARELLA

Amo le zucchine, anche perché sono molto versatili e si prestano a diversi tipi di preparazioni; oggi vi voglio allungare la mia ricetta delle zucchine con tonno e mozzarella; nel web di ricette di zucchine ripiene di tonno ne potete trovare parecchie..io ho voluto prepararle a modo mio, e, vi posso assicurare, sono davvero una bontà: tanto che a casa mi hanno chiesto di rifarle al più presto.Si tratta di una ricetta facile e abbastanza veloce: le zucchine si cuociono per qualche minuto in acqua bollente, si svuotano parzialmente e si farciscono con un composto di mozzarella, tonno, capperi, acciughe, pangrattato e parmigiano oltre, naturalmente, ad una parte della polpa delle zucchine.Molto spesso le zucchine farcite e cotte in forno rimangono leggermente “crudine”, in questo caso assolutamente no: la cottura prolungata in forno fa si che siano cotte a puntino, con sopra una deliziosa crosticina…insomma: una golosità!!Non avendo in casa la mozzarella si possono usa altri tipi di formaggi, avendo cura di sceglierli morbidi e abbastanza dolci.Questa ricetta può rappresentare un contorno o, accompagnata da una fresca insalatina, un secondo sfizioso e leggero..quindi, se vi ho invogliato andate nell’orto a raccogliere le zucchine o (in alternativa) “coglietele” nel banco del fruttivendolo…in questo periodo sono tutte ottime e vale la pena di sbizzarrirsi con ricette sempre diverse.Pronti per preparare le zucchine ripiene con tonno e mozzarella? Tutti in cucina…
Ingredienti:
-6 zucchine più o meno della stessa dimensione-250 gr di mozzarella-240 gr di tonno sott’ olio ( 3 scatolette)
-1 panino raffermo-1 uovo-5 filetti di acciughe sott’ olio-1 cucchiaio di capperi-3 cucchiai di pangrattato per il ripieno-3 cucchiai colmi di parmigiano per il ripieno
-1 cucchiaio di parmigiano e 1 di pangrattato per spolverare le zucchine prima di infornare-prezzemolo -sale-pepe-origano-un filo d’olio d’oliva per la teglia * quello necessario per irrorare le zucchine ripiene prima di infornare.
Cottura: 7 minuti per sbollentare le zucchine + 40 minuti in forno a 200° per la preparazione.
Difficoltà: bassa
Costo: basso
Preparazione: lavare e spuntare le zucchine, tagliarle a metà nel senso orizzontale, tuffarle in acqua bollente salata e cuocerle per il tempo indicato.: quindi prelevarle con una schiumarola e farle intiepidire.
Speszzre il pane e metterlo a bagno nel latte almeno per una ventina di minuti.
Scavare leggermente l’interno delle zucchine con l’aiuto di un cucchiaio e tenere da parte la polpa estratta.
Strizzare il pane e metterlo in una grande ciotola, aggiungere l’uovo, il tonno sbriciolato, la mozzarella a pezzetti, metà della polpa delle zucchine, i capperi, le acciughe  il parmigiano, il pangrattato, il prezzemolo tritato, il sale , il pepe e l’origano. Mescolare per amalgamare gli ingredienti.
Disporre le zucchine in una teglia leggermente unta e riempirle con il composto preparato, spolverare con il parmigiano e il pangrattato ed infine irrorare con un filo d’olio.
Infornare in forno preriscaldato alla temperatura indicata  e cuocere sino a che, nella superficie si darà formata una golosa crosticina dorata.

Il nostro piatto è pronto, a presto, la Chicchina. 

PATATE SABBIOSE (A MODO MIO)

Le patate sabbiose sono tanto buone quanto semplici da realizzare: io vi lascio la mia versione, che prevede una prima bollitura degli spicchi di patata (in modo che la cottura sia perfetta).Le patate vengono sbucciate, tagliate a spicchi, lessate brevemente, passate in una deliziosa “panure” di pangrattato, parmigiano, prezzemolo e aglio e quindi infornate ad alta temperatura affinché sulla loro superficie si formi una meravigliosa crosticina… Sono così buone che io le trovo perfette anche come snack o servite con l’aperitivo.Il risultato migliore lo ottengo quando cuocio la mia teglia di patate sabbiose nel forno della mia stufona a legna; tuttavia, sono talmente buone che le preparo spesso anche in estate, ovviamente nel forno elettrico a “manetta”.Vediamo insieme cosa serve per realizzare questa golosità..

Ingredienti:

-1 kg di patate (preferibilmente rosse)
– 2 pagnotte di pane raffermo per il pangrattato
-50 gr di parmigiano
-prezzemolo
-1 spicchio d’aglio
-sale
-pepe nero
-olio d’oliva

Cottura: 10 minuti per lessare gli spicchi di patata + 30 minuti in forno a 190°

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Preparazione: pelare e tagliare a spicchi le patate, sciacquarle e metterle in una pentola con acqua salata. Portare a bollore e fare cuocere dieci minuti.Per il pangrattato: mettere nel mixer il pane raffermo tagliato a dadini e tritarlo alla massima potenza; quando avrà raggiunto la giusta consistenza, aggiungere lo spicchio di aglio tritato e il prezzemolo e azionare ancora brevemente il mixer.Mettere il composto così ottenuto in una grande ciotola, aggiungere il parmigiano grattugiato e mescolare per amalgamare il tutto.Passare gli spicchi di patata nella panure, premendo affinché vengano ricoperti uniformemente e generosamente da quest’ultima.Spolverare con sale e pepe e irrorare con un abbondante filo d’olio.Infornare in forno preriscaldato per il tempo previsto, azionando negli ultimi dieci minuti il grill…
Questi spicchi deliziosi devono essere croccanti fuori e morbidi dentro… Insomma, una bontà.
A presto, la Chicchina.

CARCIOFI RIPIENI IN PADELLA

Vi piacciono i carciofi? A me molto, quando li mangio la mente vola lontano: rivedo il mio papà che li gusta con piacere, serbando per ultimi i loro gambi che, a suo parere, erano la parte migliore…
E aveva ragione: sono la parte più ricca di sapore, l’unica precauzione da prendere è quella di “sbucciarli” con il pelapatate.La ricetta che vi propongo oggi è quella di mia mamma: lei li farciva e li cuoceva lentamente in padella e, da ultimo, li passava sotto il grill del forno affinché in superficie si formasse una deliziosa crosticina. Tutti gli anni aspettava impaziente la stagione dei carciofi (che va da novembre a maggio), inforcava la bicicletta e via… Al mercato di buon’ora, per comprare i carciofi più belli e carnosi.La cucina si lega indissolubilmente ai ricordi e questi sono i miei…

Ingredienti:
-8 carciofi con il gambo possibilmente lungo e le punte ben chiuse-1 panino morbido (del peso di circa 70 gr)-100 gr di salsiccia-1 uovo-50 gr di parmigiano-2 spicchi di aglio-latte q.b. ad ammollare il panino-prezzemolo-4 cucchiai di olio d’oliva-brodo vegetale q.b.-sale-pepe-fiocchetti di burro-1 limone
Cottura: 40 minuti in padella e 5 minuti in forno a 200°
Difficoltà: media
Costo: basso

Preparazione: per prima cosa preparare una bacinella con acqua e il succo di un limone.Eliminare le foglie esterne dei carciofi, appoggiarli sul tavolo in senso orizzontale e tagliare le punte spinose (eliminare circa tre centimetri:) tagliare la parte finale dei gambi (che risulta essere fibrosa) e tagliare il gambo rimanente a livello della base del carciofo, per permettere a quest’ultimo di rimanere dritto all’interno della pentola.
Spellare con il pelapatate il gambo commestibile.Scavare un incavo nella parte centrale dei carciofi con l’aiuto di un coltellino e metterli nella bacinella con l’acqua acidulata (per far sì che non anneriscano).Per il ripieno, spezzettare il pane e metterlo a bagno per mezz’ora in una ciotola coperto di latte.Passato questo tempo strizzarlo ed aggiungervi la salsiccia privata del budello e sbriciolata, l’uovo, il parmigiano, mezzo spicchio d’aglio e prezzemolo tritati finemente: si dovrà ottenere un composto piuttosto sodo.Farcire i carciofi con il ripieno, premendo bene perché quest’ultimo penetri sino alla base del carciofi.Mettere l’olio in una padella di adeguate dimensioni, aggiungere l’aglio, un po’ di prezzemolo ed inserire i carciofi e i loro gambi.
Mettere su ogni carciofo un fiocchetto di burro.

Fare insaporire per qualche minuto, quindi versare nella pentola il brodo vegetale necessario a ricoprire i carciofi per i due terzi.Abbassare la fiamma, coprire e cuocere per quaranta minuti.Passare dunque i carciofi in  forno preriscaldato in funzione grill.

Servire caldi o tiepidi… Ecco pronti i nostri carciofi ripieni. Un piatto del cuore per me…
Vi abbraccio, la Chicchina.

PEPERONI GRATINATI

I peperoni gratinati rappresentano un antipasto o un secondo alternativo.Si tratta di una ricetta semplice e versatile, in cui le dosi sono solo indicative e dove gli ingredienti che compongono la farcia possono variare a seconda dei gusti personali.
Io, alla classica panure, ho aggiunto dei capperi per dare un ulteriore tocco di sapore ma, se preferite, potete utilizzare le olive nere (ad esempio). La preparazione è semplice e veloce, tutti gli ingredienti della farcia vengono inseriti nel mixer.La mia ricetta prevede un prima cottura in acqua salata dei peperoni.Allora, cosa ne dite? Andiamo in cucina a prepararli insieme? Vedrete che il risultato vi piacerà molto.
Questo è un piatto che gradisce anche chi non ama particolarmente le verdure: è veloce, gustoso e sfiziosissimo…

Ingredienti:

-4 peperoni (io rossi e gialli)
-100 gr di pangrattato
-70 gr di parmigiano grattugiato
-1 cucchiaio di capperi
-1/2 (mezzo) spicchio di aglio
-prezzemolo
-sale
-peperoncino
-olio di oliva q.b.

Cottura: 7/8 minuti per sbollentarli + 25 minuti in forno preriscaldato a 190°

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Preparazione: lavare i peperoni, tagliarli a falde ed eliminare semi e filamenti bianchi.Portare a bollore una capace pentola con abbondante acqua salata, aggiungervi i peperoni e farli bollire per il tempo indicato.Nel frattempo mettere il pangrattato, il parmigiano, l’aglio, il prezzemolo e i capperi nel mixer e frullare sino ad ottenere una panure omogenea.Quando i peperoni sono sbollentati scolarli e asciugarli bene (tamponandoli con un canovaccio).Disporre le falde di peperone in una teglia imburrata e salarle leggermente.Riempire quindi i peperoni con la panure ed irrorare il tutto con un abbondante filo d’olio.

Infornare in forno caldo per il tempo stabilito, attivando negli ultimi dieci minuti di cottura il grill.
Et voilà…questo semplice e gustosissimo piatto è pronto…un abbraccio, La Chicchina.

TORTINO CON PATATE E PROVOLONE

Insomma, avevo comprato un tot di formaggi, un tot bello abbondante… lo ammetto: a casa il formaggio piace molto e ognuno ha le proprie preferenze quindi, quando compro, cerco di soddisfare i gusti di tutti ed inevitabilmente qualcosa avanza.Come vi ho già raccontato detesto sprecare il cibo anche perché i piatti del riciclo sono sempre di una golosità unica… Dunque il provolone che giaceva tristemente in frigorifero andava utilizzato e la ricetta che ho pensato, vi assicuro, è di una bontà scandalosa.Ovviamente voi potrete utilizzare il formaggio che vi piace o che avete a disposizione.Si tratta di una preparazione facile e veloce in cui le dosi sono un po’ indicative…
Formaggio, patate lesse e una cremina ricca e golosa, il tutto cotto e gratinato in forno fino ad ottenere una crosticina croccante da leccarsi i baffi.Allora, vi ho convinto? Secondo me sì… E allora tutti in cucina a preparare Il tortino con patate e provolone

Ingredienti (per una teglia da 26 cm):

-700 gr di patate
-300 gr di provolone  (o altro formaggio a piacere)
-2 uova
-50 gr di parmigiano + 2 cucchiai per la superficie del tortino
-150 ml di latte
-3 cucchiai di panna da cucina
-sale
-pepe
-rosmarino
-fiocchetti di burro e pangrattato per la superficie
-burro e pangrattato per la teglia

Cottura: 5 minuti per sbollentare le patate + 20 minuti in forno preriscaldato a 190° per il tortino + 5 minuti a 200° funzione grill per la superficie dello stesso

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Preparazione: scaldare una pentola con abbondante acqua salata.Pelare le patate e tagliarle a fette spesse un centimetro circa.Quando l’acqua bolle tuffarvi le fettine di patate e cuocerle per il tempo indicato; quindi scolarle e metterle ad asciugare in un canovaccio.In una ciotola sbattere le uova con il sale ed il pepe, aggiungere il parmigiano, la panna, il latte e mescolare bene per amalgamare tutti gli ingredienti.Imburrare la teglia e cospargerla abbondantemente di  parmigiano.Disporre un primo strato compatto di patate che ricopra completamente il fondo della teglia: continuare dunque alternando fettine di patata e fettine di provolone.Versare la cremina su tutta la superficie del tortino e cospargere di parmigiano, pangrattato e fiocchetti di burro.

Infornare per il tempo stabilito, attivando negli ultimi cinque minuti la funzione grill.Il nostro tortino è pronto, buonissimo sia caldo che freddo.Grazie di essere passati di qui… La Chicchina.

VERDURE GRATINATE

Con questa teglia di verdure gratinate farete felici tutti, anche i più piccoli. La deliziosa crosticina che si forma nella superficie di queste verdure le rende golosissime. L’unico problema è ….. che non bastano mai;  una soluzione sarebbe quella di farne due teglie per volta (la prossima volta lo faccio anch’io, visto che oggi mi sono accontentata del profumo o poco più). Si possono usare le verdure che più piacciono, avendo semplicemente l’accortezza di sbollentare per cinque minuti quelle più dure, come patate, carote e finocchi. Sono buone in tutte le stagioni, calde o fredde d’estate, oltretutto sono assolutamente dietetiche e quindi facciamole insieme.
Ingredienti:
-2 patate-3 grosse carote-2 zucchine-1 peperone giallo-1 peperone rosso-1 melanzana-1 hg di pangrattato-70 grammi di parmigiano-prezzemolo-olio d’oliva-1 spicchio d’aglio-sale-pepe

Cottura: 40 minuti in forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: tagliare le patate a fette di 1/2 centimetro e le carote a strisce; gettarle in acqua calda bollente e lessarle cinque minuti; scolarle. Tagliare a fette dello stesso spessore la melanzana e le zucchine, i peperoni a strisce. Mettere la carta forno in una teglia (la più grossa che avete, sennò fatevela prestare dalla zia Giuseppina!!). Disporre le verdure leggermente sovrapposte secondo il vostro gusto. 

Mescolare il pangrattato con il parmigiano, lo spicchio d’aglio tritato ed il prezzemolo. Cospargere con un filo d’olio ed “impastare” ottenendo delle bricioline. Spargere la deliziosa panure sulle verdure, irrorare con un filino d’olio (poco) 

e infornare per circa 30 minuti. Grazie della “visita” e….. a presto! Ciao

FINOCCHI GRATINATI AL FORNO.

I finocchi, in genere, non sono il contorno più goloso:devono proprio piacere.Questi invece, sono davvero eccezionali; la gratinatura dà loro un sapore unico che piace tantissimo anche ai bambini;quando li faccio non sono mai abbastanza e c’è sempre qualcuno che si lamenta perché non può fare il bis.
Ingredienti:-2 grossi finocchi-1 dado vegetale-sale-peperoncino-origano-parmigiano a piacere.-olio extravergine-1/2 spicchio d’aglio.
Cottura: 40 minuti a 200°
Difficoltà:bassa
Costo:basso.
Preparazione:tagliare i finocchi finemente con la mandolina, disporli in una grande pirofila; sciogliere il dado in 1/2 bicchiere d’acqua e versarlo sopra la verdura; aggiungere mezzo spicchio di aglio tritato, il sale, l’origano e il peperoncino; irrorare con 3/4 cucchiai di olio.

Infornare in forno preriscaldato a 200°.Fare cuocere circa 40 minuti avendo cura di girare i finocchi almeno 3 volte. A cottura quasi ultimata spolverare con il parmigiano grattugiato e finire di gratinare.

Sono una bontà, provare per credere!

SFORMATO DI VERZA

Questa GODURIOSA ricetta mi arriva dalla mia amica Graziella, una simpatica signora con uno spiccato accento veneto e, per essere precisi, dalla Nina, la sorella gemella.
Proprio oggi mi ha chiamato (ci sentiamo ogni due per tre) e ovviamente mi ha chiesto: “Cosa te fe de bon?”. Dopo averle elencato quello che passava il convento, ho ricambiato la domada alla quale ha risposto “Go nel forno la supa” e io:” Ma cos’è la supa?”….La risposta è stata: “Non so, la fa la Nina, ma la se bona”.
Ovviamente non potevo rimanere indifferente…la “supa” doveva essere mia!!!
In un attimo mi sono fatta dare la ricetta e in un’ora questo meraviglioso sformato era pronto nella tavola della Chicchina: una bontà difficile da descrivere, si potrebbe definire un piatto del riciclo ma, data la sua bontà, sono tante le occasioni in cui ci può fare una magnifica figura.
Si tratta di strati di pane raffermo inumiditi da brodo, formaggio saporito, verza, prosciutto e altri ingredienti  che completano questa delizia. Se vi fidate di me, della Graziella e della Nina seguitemi in cucina…

Le dosi non sono precise, dipende dalla teglia e dalla quantità di sformato che si vuole preparare.

Ingredienti:

-1/2 verza
-3 panini raffermi (circa)
-300 gr di toma
-150 gr di prosciutto
-brodo vegetale (io di dado, altrimenti sedano, carota, cipolla)
-70 gr di parmigiano
-burro per la teglia
-olio d’oliva q.b.
-sale
-peperoncino

Cottura: 7/8 minuti per sbollentare la verza e 30 minuti in forno preriscaldato a 190°

Difficoltà. bassa

Costo: basso

Preparazione: per prima cosa pulire e lavare le foglie di verza avendo cura di  eliminare la costa centrale; sbollentarle in acqua salata per il tempo indicato (ovviamente gettarle in pentola quando l’acqua bolle), scolarle e farle raffreddare.
Imburrare una teglia (io rotonda), tagliare il pane a fette alte un centimetro e ricoprire in modo uniforme il fondo.
Bagnare con un po’ di brodo caldo, spolverare con il parmigiano e fare un altro strato con la verza perfettamente asciutta (io ho tamponato le foglie con un canovaccio): salare e spolverare con il peperoncino.
Distribuire la toma a fette sopra la verza, condire con un filino d’olio ed aggiungere il prosciutto.
Ripetere questi strati sino al termine degli ingredienti, avendo cura di terminare con una strato di verza.
Premere la preparazione con le mani per uniformarla, aggiungere un po’ di brodo lungo la circonferenza (saranno sufficienti due mestoli), spolverare abbondantemente la superficie dello sformato con il parmigiano, un generoso filo d’olio e via in forno caldo per trenta minuti.
Lasciare intiepidire e poi si potrà gustare.
Grazie alla Nina, alla Graziella e anche alla Chicchina!!
Buon appetito io vi aspetto con altre bontà!