INVOLTINI DI SOGLIOLA CON CHAMPIGNON E PARMIGIANO

Ho visto questi involtini deliziosi ne “Il grande libro della cucina italiana”: mi hanno molto colpito e ho deciso di replicarli (ovviamente a modo mio, secondo i miei gusti).Io mangio pochissimo pesce ma mi incuriosiva questo strano connubio: funghi e pesce… mah!! Invece mi sono dovuta ricredere: si tratta veramente di un piatto squisito, goloso ed insolito.Non è una ricetta difficile: seguendo le indicazioni, questo piatto succulento sarà sulla vostra tavola e vi permetterà (diciamolo) di fare una certa figura.Vediamo quindi come preparare gli involtini di sogliola agli champignon…

Ingredienti:
-6 filetti di sogliola sottili-150  gr di champignon-50 gr di pane raffermo-10 olive nere denocciolate-1 cucchiaio di parmigiano-3 cucchiai di olio d’oliva-sale-pepe nero-origano-prezzemolo-1/2 (mezza) cipolla bianca-1 bicchiere di vino bianco secco
Per la salsina di accompagno:
-400 gr di polpa di pomodoro-1 spicchio d’aglio-sale-pepe-prezzemolo fresco
Cottura: 10 minuti per cuocere i funghi + 25/30 minuti in forno preriscaldato a 180° + 10 minuti per la salsina di pomodoro
Difficoltà: media
Costo: medio

Preparazione: eliminare i residui di terriccio dagli champignon, lavarli ed affettarli.Mettere in un tegame l’olio ed aggiungervi la cipolla tritata finemente, un trito di prezzemolo e i funghi affettati: salare, pepare e profumare con l’origano.Bagnare con il vino bianco, farlo evaporare e cuocere per una decina di minuti.Tritare la mollica nel mixer con le olive e mettere in una ciotola.Quando gli champignon sono tiepidi tritarli a loro volta nel mixer insieme al loro sughetto.Unire quindi il pane e gli champignon,  salare e pepare.In un tegame mettere l’olio e l’aglio, aggiungere la polpa di pomodoro, salare, pepare e fare insaporire per il tempo indicato.Prendere dunque i filetti di sogliola, salarli leggermente e farcirli con una cucchiaiata del ripieno precedentemente preparato. Arrotolarli e chiuderli con stecchini di legno e disporli in una pirofila leggermente una di olio.

Irrorare con il mezzo bicchiere di vino bianco rimanente, un filo di olio ed aggiustare di sale.Cuocere in forno caldo.
Servire adagiandoli sulla salsina di pomodoro calda.
Il nostri involtini sono pronti, un abbraccio, la Chicchina

RADICCHIO AL FORNO GRATINATO AL PARMIGIANO E NOCCIOLE

Il Radicchio è una verdura che in famiglia piace tantissimo e io cerco di prepararlo in modi sempre diversi: gratinato al forno lo faccio spesso, ma con questa deliziosa “crosticina di nocciole e parmigiano è davvero tutta un’altra cosa.
Pur essendo una preparazione veloce e facilissima, può ben figurare anche sulla tavola di un pranzo speciale.Sono tantissime le ricette preparate con questa meravigliosa verdura, ma è cucinato semplicemente, almeno secondo me, che dà il meglio di sé.Naturalmente il radicchio scelto deve essere sano e fresco, ed è necessario lavarlo ripetutamente ed asciugarlo molto bene (visto che in cottura perde comunque molta umidità).Vediamo insieme come preparare questo radicchio goloso…
Ingredienti:
-2 cespi di radicchio rosso lungo (per un peso totale di circa 700 gr)-50 gr di nocciole spellate, tostate e tritate
-50 gr di parmigiano grattuggiato-5 cucchiai di olio d’oliva-1 spicchio d’aglio-sale-pepe nero
Cottura: 15 minuti in forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: circa un’ ora prima di preparare il radicchio spellare lo spicchio di aglio e schiacciarlo con il palmo della mano.Mettere l’olio in una  ciotolina con l’aglio affinché si insaporisca.Eliminare le foglie esterne dei cespi di radicchio, lavarli ed asciugarli molto bene.
Tagliare ogni cespo in quattro quarti.Disporre il radicchio su una teglia leggermente unta d’olio di adeguate dimensioni.Salare e pepare.Mescolare la granella di nocciole al parmigiano e distribuire questo composto sopra il radicchio. Eliminare lo spicchio d’aglio in infusione nell’olio e, con quest’ultimo, irrorare il radicchio.

Infornare alla temperatura indicata sino a doratura.Et voilà… Una semplice, salutare bontà!! A presto, un abbraccio! Cristina.

PIZZETTE CON RADICCHIO, GLASSA DI ACETO BALSAMICO E PARMIGIANO

A chi non piacciono le pizzette? Praticamente a nessuno… Si possono farcire in tanti modi, secondo il gusto, e sono l’ideale per un buffet o come antipasto.
Queste che vi propongo oggi sono golose, colorate e stuzzicanti grazie all’aggiunta finale della glassa di aceto balsamico e sono buonissime da gustare sia calde che fredde.
Si preparano in pochi minuti se, come me, utilizzate una base per pizza pronta (io Stuffer).
La ricetta è davvero di semplice esecuzione: in poche mosse ed altrettanta fatica queste pizzette dal sapore tipicamente invernale saranno vostre.
Vediamo allora insieme come preparare le mie pizzette con radicchio, glassa di aceto balsamico e parmigiano.

Ingredienti per 12 pizzette:

-1 base per pizza (io Stuffer)
– 200 gr circa di radicchio rosso
– 1/2 (mezza) cipolla
-3 cucchiai di olio extravergine d’oliva per ripassare il radicchio in padella + quello necessario per spennellare le basi + un filo a crudo per terminare
-prezzemolo tritato
-sale
-pepe nero
-scaglie di parmigiano a piacere
-glassa di aceto balsamico (1 cucchiaio per il radicchio e a piacere per terminare le pizzette)

Cottura: 10 minuti per il radicchio + 10 minuti per le pizzette  senza farcia + 5 minuti per la preparazione finita a 180°

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Preparazione: sfogliare e lavare ripetutamente il radicchio.Tagliarlo dunque a striscioline.Scaldare una padella con i tre cucchiaio d’olio e soffriggere dolcemente la cipolla tritata per cinque minuti: aggiungere le striscioline di radicchio, il sale, il pepe e proseguire la cottura per altri cinque minuti. Inserire il cucchiaio di aceto balsamico e, da ultimo  il prezzemolo tritato.Stendere la base per pizza e ricavare con il coppa pasta le basi per le nostre pizzette.

Scaldare il forno a 180°, rivestire la placca con l’apposita carta, posizionare le basi, bucherellarle con i rebbi di una forchetta, spennellarle con poco olio e infornare per dieci minuti.A questo punto estrarre la teglia dal forno e farcire le basi con il condimento al radicchio.

Infornare nuovamente per cinque minuti, sfornare e fare intiepidire leggermente.
Aggiungere le scaglie di grana e la glassa di aceto balsamico a piacere; per terminare:  un filo di olio a crudo.

Le nostre particolari e sfiziose “pizzette” sono pronte. A presto, la Chicchina.

RISOTTO CON RADICCHIO, TOMA E CIALDA DI PARMIGIANO

Il risotto al radicchio è un primo delizioso.
Quello che vi vado a descrivere fa anche una “certa” figura, grazie alle cialdine di parmigiano che lo decorano… Allora perché non prepararlo per le feste?!Si tratta di un piatto semplice da realizzare e, come al solito, è fondamentale la buona qualità degli ingredienti che vengono utilizzati.Le cialde sono anch’esse molto semplici da preparare: parmigiano (o grana) grattugiato al quale io aggiungo un piccola parte di farina di mais che le rende meno friabili; l’unico problema è che sono buonissime e c’è il rischio che spariscano prima che il risotto sia pronto.Ultimo consiglio: utilizzate una toma dolce: io ho usato il Maccagno, delizioso formaggio tipico della mia zona, tanto amato da QUINTINO SELLA (celebre politico, scienziato ed alpinista piemontese). Allora andiamo a vedere come preparare questo squisito risotto…

Ingredienti per 4 persone:

-350 gr di riso Carnaroli
-1/2 cipolla
-400 gr di radicchio di Chioggia
-70 gr di toma
-1 noce di burro
-100 gr di parmigiano
-brodo vegetale preparato con sedano, carota e cipolla q.b.
-4 cucchiai di olio d’oliva
-sale
-pepe

Per la cialda:

-1 piccola noce di burro
-parmigiano grattuggiato
-farina di mais finissima

Cottura: 18 minuti

Difficoltà: media

Costo: basso

Preparazione: per le cialde di parmigiano prendere un padellino antiaderente, ungerlo leggermente con una noce di burro e farlo scaldare bene; cospargere completamente la superficie del padellino con il parmigiano grattuggiato mescolato alla farina di mais (che deve essere circa un quarto della quantità totale di composto usato per ogni cialda).Con l’aiuto di una forchetta, aggiustare i bordi della cialda e, quando si forma la crosticina, girarla dall’altro lato (circa tre minuti per parte). Fare dunque raffreddare.Preparare il brodo facendo bollire per venti minuti sedano, carota e cipolla.
Soffriggere quindi in un tegame la cipolla tritata in circa quattro cucchiai d’olio.
Aggiungere il radicchio perfettamente lavato e tagliato a listarelle, salare, pepare e lasciare cuocere per cinque minuti a fuoco dolce; a questo punto unire il riso poco alla volta e lasciare tostare; quindi, iniziare la cottura aggiungendo via via il brodo caldo.Dopo circa quindici minuti unire al riso la toma e farla sciogliere dolcemente, mescolando.
Allontanare la pentola dal fuoco e mantecare con burro e parmigiano. Lasciare riposare qualche minuto coperto. Impiattare il risotto guarnendo ogni piatto con la cialda, magari spezzettata come ho fatto io…

Grazie per essere passati di qui, a presto! La Chicchina

POLPETTE DI RICOTTA E PARMIGIANO

Le polpette di ricotta rappresentano un buon “salvacena ” quando il frigorifero è deserto, una buona alternativa alla triste pasta in bianco.Sono veloci da realizzare e servono pochi ingredienti (quelli che di solito non mancano mai nelle nostre dispense).La ricotta non si può definire “un formaggio” bensì un latticino perché viene prodotta dal siero del latte;è abbastanza leggera perché fornisce solo 174 calorie ogni 100 grammi…allora tutti in cucina a preparare le polpette.

Ingredienti:

-400 gr  di ricotta
-2 uova grandi
– 150 di parmigiano
-120 gr di farina complessivi (metà per le polpette e metà per la panure)
-1 panino raffermo
-prezzemolo
-sale,origano
-1 spicchio d’aglio (se piace)
-olio di semi di arachide per friggere.

Tempo di preparazione:10 minuti

Tempo di cottura:6/7 minuti

Difficoltà:bassa

Costo:basso.

Preparazione: mettere in forno un panino grosso fatto a pezzi fino a che è secco;frullarlo nel mixer e quando è quasi ridotto alla giusta consistenza unire un po’ di prezzemolo e 1 spicchio d’aglio (se piace) in modo che il nostro pangrattato sia leggermente verdino.Mescolare in una ciotola la ricotta,le uova,il parmigiano, metà della farina prevista nella ricetta, il sale e il pepe, fino ad ottenere un composto omogeneo (se risultasse troppo molle aggiungere un pugno di pangrattato)Formare delle polpettine dalla forma allungata :aggiungere al pangrattato 2 cucchiai di farina e impanare in questo composto le polpette premendo bene per fare aderire la deliziosa panure. Friggere in olio caldo 3/4 minuti per parte e accompagnare con patate fritte o arrosto.Poca spesa,,tanta resa. A presto, Lachicchina….

VERDURE GRATINATE

Con questa teglia di verdure gratinate farete felici tutti, anche i più piccoli. La deliziosa crosticina che si forma nella superficie di queste verdure le rende golosissime. L’unico problema è ….. che non bastano mai;  una soluzione sarebbe quella di farne due teglie per volta (la prossima volta lo faccio anch’io, visto che oggi mi sono accontentata del profumo o poco più). Si possono usare le verdure che più piacciono, avendo semplicemente l’accortezza di sbollentare per cinque minuti quelle più dure, come patate, carote e finocchi. Sono buone in tutte le stagioni, calde o fredde d’estate, oltretutto sono assolutamente dietetiche e quindi facciamole insieme.
Ingredienti:
-2 patate-3 grosse carote-2 zucchine-1 peperone giallo-1 peperone rosso-1 melanzana-1 hg di pangrattato-70 grammi di parmigiano-prezzemolo-olio d’oliva-1 spicchio d’aglio-sale-pepe

Cottura: 40 minuti in forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: tagliare le patate a fette di 1/2 centimetro e le carote a strisce; gettarle in acqua calda bollente e lessarle cinque minuti; scolarle. Tagliare a fette dello stesso spessore la melanzana e le zucchine, i peperoni a strisce. Mettere la carta forno in una teglia (la più grossa che avete, sennò fatevela prestare dalla zia Giuseppina!!). Disporre le verdure leggermente sovrapposte secondo il vostro gusto. 

Mescolare il pangrattato con il parmigiano, lo spicchio d’aglio tritato ed il prezzemolo. Cospargere con un filo d’olio ed “impastare” ottenendo delle bricioline. Spargere la deliziosa panure sulle verdure, irrorare con un filino d’olio (poco) 

e infornare per circa 30 minuti. Grazie della “visita” e….. a presto! Ciao

ROSE DI FOCACCIA AL POMODORO

La volete un’idea golosa, facile e stuzzicante per un finger food? Eccola: le mie rose di focaccia al pomodoro.
Si preparano in un lampo e sono perfette in mille occasioni: il buffet di una cena in piedi, un picnic, o anche una merenda veloce e saporita.Io ho usato per realizzarle una base per focaccia pronta e questo ha accorciato notevolmente i tempi di preparazione: un ottimo modo per non rinunciare alla buona tavola quando si è di fretta.Ho “farcito” le mie rose con ingredienti dal sapore decisamente mediterraneo: pomodoro, origano, capperi e parmigiano. Ovviamente, potrete variare aggiungendo gli ingredienti che più vi piacciono: acciughe, olive o quello che vi suggerisce la fantasia. Vi consiglio di evitare formaggi a pasta molle… ehm… se ne andrebbero in giro per il forno, e questa non è una cosa simpatica!!
Con il parmigiano il problema non sussiste: aggiungerà sapore mantenendo la propria consistenza.Allora vi ho convinti? Se sì, tutti in cucina…

Ingredienti per 5 rose:
-1 rotolo di base per focaccia rotonda da 385 gr (io Stuffer)-150 ml di passata di pomodoro-50 grammi di parmigiano reggiano grattugiato-30/40 grammi di parmigiano reggiano in scaglie-1 cucchiaio di capperi -sale-peperoncino-origano-2 cucchiai d’olio d’oliva per il condimento + quello necessario per ungere lo stampo da muffins

Cottura: 25/30 minuti in forno preriscaldato a 190°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: mettere la passata in una ciotola, condirla con sale, peperoncino, un generoso pizzico di origano e due cucchiai di olio d’oliva 
Prelevare la base dal frigo (deve essere ben fredda).
Srotolare la base senza eliminare la carta forno che la avvolge.
Distribuire su tutta la superficie la passata di pomodoro, aggiungere il parmigiano grattugiato e in scaglie in modo uniforme, terminare con capperi a piacere.
Ritagliare cinque strisce nella base così farcita (il fatto che sia rotondo non è assolutamente un problema per la formazione delle rose, anzi): avvolgere le strisce e formare le rose.
Spennellare uno stampo da muffins con olio d’oliva ed adagiarvi le rose, mano a mano che le formate.
Infornare in forno preriscaldato a 190° e cuocere per il tempo indicato, tenendo però presente che ogni forno è una storia a sé e quindi va monitorato.
Quando le rose sono cotte metterle a piacere in pirottini colorati.

Et voilà, un finger food saporito con poca fatica e poca spesa! Un abbraccio, grazie di essere passati di qui! La Chicchina.

INSALATA PARMIGIANA

L’estate è finita, ma l’orto continua a regalare verdure buonissime, colorate e profumate, che mi piace utilizzare senza sprecare nulla. Quella che vi propongo oggi è un’insalata assolutamente deliziosa: può rappresentare un piatto unico, nutriente e leggero.Uno dei miei piatti preferiti è la parmigiana di melanzane… Allora mi sono detta: perché non preparare un’insalata con gli stessi ingredienti (a parte i capperi)? Detto fatto: le melanzane naturalmente le ho grigliate e ho aggiunto gli ingredienti che solitamente compongono la parmigiana.Ho condito il tutto con una vinaigrette profumata e il risultato ottenuto, credetemi, è stato ben oltre le aspettative; è piaciuta a tutti e la raccomandazione è stata: “Però la devi rifare, neh?! Non che la fai per il blog e poi non la ripeti più!!”. Certo che no…

Ingredienti:
Per l’insalata:

-1  melanzana striata-2 pomodori maturi e sodi-1 bocconcino di mozzarella del peso di 1, 2 hg-1 cespo di lattuga-1 cucchiaio di capperi-scaglie di parmigiano a piacere

Per la vinaigrette:
-olio-aceto-aglio disidratato-peperoncino-prezzemolo tritato-sale
Cottura: 8 minuti di griglia per la melanzana (4 minuti per lato)
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: tagliare le melanzane a fette sottili, cospargerle di sale e far loro espellere il siero amaro per almeno mezz’ora;  dunque, sciacquarle e asciugarle molto bene con un canovaccio pulito.Scaldare la griglia dopo averla spolverata con del sale (questo si fa perché le verdure da cuocere non si attacchino), grigliare le melanzane da entrambi i lati e farle raffreddare.Lavare molto bene la lattuga.Lavare i pomodori e tagliarli a fette sottili. Scolare la mozzarella e tagliarla a fette.Pensiamo ora alla vinaigrette: mettiamo in una ciotolina tre parti di olio extravergine d’oliva e una di aceto, sale, peperoncino, un pizzico di aglio liofilizzato (o, in alternativa, mezzo spicchio tritato) e un trito di prezzemolo; mescolare bene per emulsionare.Comporre il piatto: distribuire la lattuga lungo il perimetro, salarla e condirla con poco olio; ora disporre le fette di melanzana, di pomodoro e di mozzarella secondo il proprio gusto  e al centro mettere delle scaglie sottili di parmigiano;  distribuire quindi i capperi.Condire l’insalata con la vinaigrette e gustare questa particolare parmigiana.

Grazie di essere passati, vi aspetto sempre qua! La Chicchina.

FUSILLI CON FINOCCHI CROCCANTI E NOCCIOLE

I finocchi sono una verdura versatile, con essi mi piace inventarmi ricette nuove e un po’ particolari come quella che vi vado a descrivere.
Si tratta di una pasta gustosa e cremosa a base di finocchi arrostiti, panna e con l’aggiunta di una granella di nocciole tostate…un sapore tutto da provare che credo proprio non vi deluderà.
In famiglia è piaciuto a tutti, anche a Federico (il mio figlio minore) che è il più tradizionalista.
Il condimento si prepara intanto che cuoce la pasta: l’operazione forse un po’ più noiosa consiste nel tostare le nocciole, ma vedrete che si tratta di un procedimento veloce e per nulla complicato.
Venite con me in cucina?

Ingredienti per 4 persone:

-360 gr di fusilli
-1 finocchio del peso di 250 gr
-1 spicchio d’aglio
-4 cucchiai di panna da cucina
-40 gr di nocciole tostate e tritate a coltello
-40 gr di parmigiano reggiano
-1 pizzico di pepe
-sale q.b.

Cottura: 10/12 minuti per il condimento+ il tempo di cottura della pasta

Difficoltà: media

Costo: basso

Preparazione: se non si disponete di nocciole tostate vi spiego in un attimo come fare.
Eliminare il guscio alle nocciole e disporle in una teglia, accendere il forno a 200°, infornarle e lasciarle tostare per 5 minuti: sfornarle, lasciarle raffreddare e quindi eliminare la pelle che verrà via senza alcuna difficoltà; infine tritarle grossolanamente a coltello.
Ora occupiamoci del finocchio: pulirlo eliminando le parti troppo dure, lavarlo e tagliarlo a fettine.
Mettere in un tegame l’olio, l’aglio vestito ed aggiungere il finocchio, il sale ed il pepe.
Il finocchi andrà cotto su fiamma vivace, rimestando spesso, perché deve risultare quasi arrostito (ci vorranno circa dieci/dodici minuti): aggiungere quindi la panna ed aggiustare di sale e pepe.
Lessare i fusilli e scolarli tenendo da parte qualche cucchiaio dell’acqua di cottura.
Versare la pasta direttamente nel tegame, mescolare bene, aggiungere due /tre cucchiai  dell’acqua di cottura ed il parmigiano.
 Da ultimo inserire le nocciole. Un abbraccio e buon appetito

FIORI DI ZUCCA IN PASTELLA AL PARMIGIANO

Ecco un fingerfood prettamente estivo, goloso e molto semplice da preparare.
La pastella è semplicissima, arricchita con parmigiano e un uovo. Una delle operazioni più importanti è la pulizia dei fiori, che deve essere molto accurata: vanno lavati e asciugati molto bene dopo averli privati del pistillo e del gambo.
Quelli che ho utilizzato mi arrivano dritti dritti dall’ orto e, devo dire, sono proprio venuti una bontà.Li prepariamo insieme?!

Ingredienti per 12 fiori:

-12 fiori di zucca
-180 gr di farina bianca
-2 cucchiai di parmigiano
-1 uovo
-150 ml d’ acqua minerale ghiacciata
-1 cucchiaino raso di zucchero
-un generoso pizzico di sale
-un pizzico di origano

Per farcire:

-120 gr di mozzarella

Per friggere:

-olio di semi di arachidi

Cottura: 7/8 minuti

Difficoltà: media

Costo: medio

Preparazione: come già detto, è necessario togliere dai fiori il pistillo ed il gambo, lavarli ed asciugarli molto bene.
Preparare ora la pastella: mettere la farina, lo zucchero, il sale, l’origano, l’uovo e il parmigiano in una ciotola e dare una prima mescolata; aggiungere gradualmente l’acqua minerale (molto fredda): si deve ottenere una pastella liscia, liquida (ma non troppo).
Riprendere i fiori e mettere all’ interno di ognuno un cubetto di mozzarella.
Scaldare l’olio in una padella capiente.
Richiudere i fiori e tuffarli nella pastella: quindi, quando l’olio è abbastanza caldo (per verificarlo è sufficiente inserire uno stecchino di legno nell’olio: se attorno allo stecchino si formano delle bollicine, la temperatura è giusta) cuocerli per 7/8 minuti, sino a che sono croccanti e leggermente dorati.
Passarli su carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso e salare leggermente…

Una bontà, un bacione. A presto, Cristina!