BISCOTTI CON NOCCIOLE E CORN FLAKES

Chi mi conosce lo sa: amo le nocciole e le utilizzo tantissimo, sia nelle ricette dolci che in quelle salate. Oggi vi lascio la ricetta dei biscotti con nocciole e corn flakes: sono davvero troppo buoni esemplicissimi da realizzare… davvero a prova di principiante.Sono perfetti per una colazione golosa, per merenda o per accompagnare un vinello dolce a fine pasto.Gli ingredienti per realizzarli sono pochi e, generalmente, sempre reperibili nelle nostre dispense: nocciole, burro, zucchero, corn flakes e il gioco è fatto… In una manciata di minuti un bel vassoio di biscotti profumati saranno pronti sulla vostra tavola.Li ho preparati un po’ a caso ma, devo dire, che a casa sono piaciuti proprio tanto: quando preparo una ricetta frutto della mia fantasia, non vedo l’ora che figli e marito assaggino e mi dicano cosa ne pensano. In questo caso si sono limitati tutti a mugolare, quindi sono piaciuti eccome…Andiamo a vedere come li ho preparati…

Ingredienti per 32 biscotti:
-150 gr di nocciole tostate-150 gr di corn flakes integrali-130 gr di zucchero-140 gr di farina-180 gr di burro morbido-1 uovo grande-1 pizzico di sale

Cottura: 8/9 minuti in forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: tritare le nocciole e spezzettare i corn flakes in modo grossolano.Mettere in una grande ciotola le nocciole tritate, i corn flakes, il burro morbido a pezzi, l’uovo, lo zucchero, il sale, la farina e la scorza di limone grattugiata.Lavorare l’impasto sino a renderlo omogeneo.Bagnare le mani e formare delle palline grandi come piccoli mandarini.Distribuire i biscotti sulla placca del forno rivestita con l’apposita carta, avendo cura di metterli un tantino distanziati perché, malgrado la totale assenza di lievito, crescono abbastanza.Infornare i biscotti in forno preriscaldato e farli cuocere per non più di otto/nove minuti: quando li tirerete fuori saranno ancora leggermente morbidi, ma raffreddando acquisteranno la giusta consistenza.

 I biscotti sono pronti, grazie di essere stati con me. La Chicchina

BISCOTTI CON CONFETTURA E NOCCIOLE

E niente… Mi è presa la voglia di “biscottare” alle 22 di sera: l’unico rimedio è stato mettere le mani in pasta e preparare questi biscotti morbidi e golosi, da farcire con le confetture preferite e (perché no?!) con la tanto adorata crema di nocciole (quest’ultima va aggiunta quando la base è cotta, altrimenti si seccherebbe troppo).La preparazione di questi dolcetti è relativamente facile e gli ingredienti necessari per la sua realizzazione sono sempre presenti nelle nostre dispense.Si tratta di una ricetta che replico spesso, perché in famiglia piace molto… Chissà perché non ve l’ho mai suggerita?! Bene, rimedio subito, seguitemi in cucina che “biscottiamo” insieme… 

Ingredienti:
-350 gr di farina 00-170 gr di zucchero-200 gr di burro -1 uovo + 1 albume-1 pizzico di sale-1/2 (mezza) bustina di lievito-70 gr di nocciole-due/tre cucchiai di acqua fredda (se necessari)

Cottura: 15 minuti in forno preriscaldato a 190°
Difficoltà: media
Costo: basso

Preparazione: sciogliere il burro in un pentolino, su fuoco dolce.Tritare in modo grossolano le nocciole. Mettere dunque in una grande ciotola la farina, il sale, lo zucchero, il lievito, l’uovo e il burro fuso tiepido: lavorare il tutto velocemente, sino ad ottenere un composto omogeneo e ben lavorabile (se dovesse essere necessario, aggiungere due/tre cucchiai d’acqua fredda).Staccare dall’impasto dei pezzi grandi come noci, appiattirli leggermente e formare un incavo nel centro.Sbattere leggermente l’albume rimanente e immergervi i biscotti: passarli dunque nella granella di nocciole e distribuirli, un po’ distanziati, nella placca del forno rivestita con l’apposita carta. Mettere un cucchiaino della confettura scelta nell’incavo dei biscotti e trasferire la teglia nel congelatore per una ventina di minuti.Passato questo tempo cuocere i biscotti nel forno preriscaldato alla temperatura indicata.

Ecco pronti i nostri biscotti con confettura e nocciole, ideali per una deliziosa colazione e ogni qualvolta si ha voglia di un bocconcino goloso. Grazie di essere passati di qui, la Chicchina. 

SFOGLIA CON FICHI, CIOCCOLATO, NOCCIOLE E CREMA

Che titolo lungo vero? Eppure i “personaggi e interpreti” di questo dolce sono tutti golosi e meritano di essere citati.Anche quest’anno il mio albero di fico ha prodotto moltissimi frutti dolci e succosi, quindi un dolce speciale era d’obbligo realizzarlo. Si tratta di due strati di sfoglia (per me Stuffer) farciti con fichi cotti con acqua, zucchero, cannella e scorza di limone, un quantitativo generoso di cioccolato e nocciole e una crema preparata utilizzando il liquido di cottura dei fichi… Insomma: una bontà.Non pensate però ad una ricetta difficile ed elaborata: seguendo le indicazioni, in poco tempo questa golosità sarà lì, sulla vostra tavola.L’unico dubbio era se usare la sfoglia o la pasta frolla… Alla fine ho optato per la sfoglia e la scelta è stata indovinata: conosco benissimo la qualità del prodotto che ho utilizzato e prolungando la cottura ho ottenuto un involucro croccante e lievitato.Ora direi di metterci all’opera…

Ingredienti per uno stampo con diametro 24 cm:
-2 rotoli di pasta sfoglia da 230 gr-600 gr di fichi neri maturi ma sodi-180 ml di acqua-130 gr di zucchero-cannella-scorza di limone grattugiata-100 gr di nocciole-100 gr di cioccolato fondente
Per la crema:
-120 gr di farina-120 ml dello sciroppo di cottura dei fichi-vanillina-2 uova

Cottura: 35 minuti in forno preriscaldato a 190°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: lavare e asciugare i fichi. Mettere i fichi in una casseruola che li contenga di misura uno accanto all’altro. Aggiungere all’acqua prevista per la loro cottura la cannella, la scorza grattugiata di mezzo limone e lo zucchero: mescolare bene e versare sui fichi.Fare dunque cuocere per cinque minuti a fiamma vivace.Togliere i fichi dallo sciroppo, eliminare da ognuno quanto più liquido possibile e fare raffreddare.Frullare il liquido di cottura dei fichi (che sarà diventato quasi sciropposo) con la farina, le uova e la vanillina: otterrete un composto denso e cremoso.Tritare finemente il cioccolato con le nocciole.Rivestire uno stampo con bordo apribile da 24 centimetri con la carta forno, avendo cura di formare un bordo lungo la circonferenza dello stampo (che dovrà contenere la farcia).Adagiare il primo rotolo di pasta sfoglia sullo stampo, posizionare i fichi,

coprire il tutto con il composto di nocciole e cioccolato.

Distribuire la crema sopra la farcia. 

Coprire con il secondo rotolo di pasta sfoglia pizzicando e premendo bene con i rebbi di una forchetta.

Infornare in forno preriscaldato alla temperatura indicata, sino a quando la sfoglia apparirà ben dorata.A cottura lasciare il dolce in forno con lo sportello semi-aperto ancora per cinque minuti: servire dunque fredda, cosparsa di zucchero a velo.

Un abbraccio, grazie di essere passati di qui! La Chicchina.

SEMIFREDDO ALLA CREMA DI NOCCIOLE, RICOTTA E PANNA

Uno dei miei dessert preferiti è il semifreddo. Quello di cui vi voglio parlare oggi è particolarmente goloso e semplice da realizzare: in poche mosse, con semplici ingredienti, realizzerete un dolce che vi farà fare bella figura anche come fine pasto di un pranzo di un certo riguardo.Si tratta di una base di biscotti, burro e caffè amaro e di una morbida e golosa crema a base di ricotta, panna e la vostra crema di nocciole preferita e, per decorare la superficie, cioccolato fondente fuso e granella di nocciole (o quello che vi suggerisce la fantasia)… Insomma: pochi ingredienti, pochissima fatica e tanta bontà! Saranno necessarie almeno tre ore nel congelatore per ottenere la giusta consistenza.Vi suggerisco di tirarlo fuori una decina di minuti prima di consumarlo.Se l’idea vi piace andiamo a vedere cosa serve per preparare il semifreddo alla crema di nocciole, ricotta e panna.

Ingredienti per uno stampo con bordo apribile con diametro 24 centimetri:

Per la base:
-300 gr di biscotti secchi-80 gr di burro-1 tazzina di caffè ristretto amaro
Per la crema:
-400 gr di crema di nocciole-400 gr di ricotta-400 gr di panna vegetale da montare già zuccherata
Per decorare:
-70 gr di nocciole-50 gr di cioccolato fondente

Cottura:/
Difficoltà: media
Costo: basso

Preparazione: sciogliere il burro in un pentolino su fuoco dolcissimo.Tritare finemente i biscotti, aggiungervi il burro fuso e il caffè amaro e mescolare sino ad ottenere un composto bricioloso. Rivestire il fondo di uno stampo con bordo apribile con carta forno e versarvi il composto preparato compattando bene con l’aiuto del dorso di un cucchiaio: riporre in frigorifero per mezz’ora.Nel frattempo montare a neve ben ferma la panna.In una grande ciotola mettere la ricotta e aggiungere la crema di nocciole.Mescolare per amalgamare ed inserire, poca alla volta e con delicatezza, la panna appena montata. Dovrete ottenere una crema perfettamente omogenea.Estrarre lo stampo con la base biscotto ormai solida e versarvi la farcia, livellarla bene, coprire con la pellicola e riporre per almeno tre ore nel congelatore.Passato questo tempo, fondere a bagnomaria il cioccolato e tritare in modo grossolano le nocciole, lasciandone alcune intere per la decorazione.Prelevare il dolce e cospargerlo di granella di nocciole, aggiungere alcune nocciole intere e colare con l’aiuto di un cucchiaio il cioccolato fuso.Il nostro dolce è pronto, vi abbraccio: la Chicchina

RADICCHIO AL FORNO GRATINATO AL PARMIGIANO E NOCCIOLE

Il Radicchio è una verdura che in famiglia piace tantissimo e io cerco di prepararlo in modi sempre diversi: gratinato al forno lo faccio spesso, ma con questa deliziosa “crosticina di nocciole e parmigiano è davvero tutta un’altra cosa.
Pur essendo una preparazione veloce e facilissima, può ben figurare anche sulla tavola di un pranzo speciale.Sono tantissime le ricette preparate con questa meravigliosa verdura, ma è cucinato semplicemente, almeno secondo me, che dà il meglio di sé.Naturalmente il radicchio scelto deve essere sano e fresco, ed è necessario lavarlo ripetutamente ed asciugarlo molto bene (visto che in cottura perde comunque molta umidità).Vediamo insieme come preparare questo radicchio goloso…
Ingredienti:
-2 cespi di radicchio rosso lungo (per un peso totale di circa 700 gr)-50 gr di nocciole spellate, tostate e tritate
-50 gr di parmigiano grattuggiato-5 cucchiai di olio d’oliva-1 spicchio d’aglio-sale-pepe nero
Cottura: 15 minuti in forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: circa un’ ora prima di preparare il radicchio spellare lo spicchio di aglio e schiacciarlo con il palmo della mano.Mettere l’olio in una  ciotolina con l’aglio affinché si insaporisca.Eliminare le foglie esterne dei cespi di radicchio, lavarli ed asciugarli molto bene.
Tagliare ogni cespo in quattro quarti.Disporre il radicchio su una teglia leggermente unta d’olio di adeguate dimensioni.Salare e pepare.Mescolare la granella di nocciole al parmigiano e distribuire questo composto sopra il radicchio. Eliminare lo spicchio d’aglio in infusione nell’olio e, con quest’ultimo, irrorare il radicchio.

Infornare alla temperatura indicata sino a doratura.Et voilà… Una semplice, salutare bontà!! A presto, un abbraccio! Cristina.

GNOCCHETTI DI PANE AL PARMIGIANO CON GRANELLA DI NOCCIOLE

Un titolo lungo lungo per un piatto semplice e delizioso: è così buono che chiamarlo un “piatto del riciclo” è un po’ riduttivo. Recuperare il pane è importante: è troppo prezioso. La ricetta che segue permette di realizzare un piatto da leccarsi i baffi e di utilizzare gli avanzi del pane che si trovano in dispensa.Adoro gli gnocchi, sono uno dei miei piatti preferiti.
Trovo impareggiabile il sapore di quelli fatti in casa e poi, dicendola tutta, non sono per nulla difficili da realizzare… Amo farli nei modi più svariati anche perché si prestano a mille condimenti.Gli ingredienti di questa ricetta sono pochi e semplici da reperire: pane, latte, burro (che deve essere di ottima qualità), parmigiano e una granella di nocciole tostate.Quindi direi che possiamo allacciare i grembiuli e realizzare con poca fatica e altrettanta spesa questa bontà…

Ingredienti per 4 persone:

Per gli gnocchi:
-400 gr di pane raffermo (300 gr di pane bianco e 100 gr di pane integrale)-1 uovo + 1 tuorlo-farina di tipo 1 q.b.(per me circa 300 gr)-100 gr di parmigiano reggiano grattuggiato-sale-pepe-latte q.b.
Per condire:
-100 gr di burro di ottima qualità
-1 spicchio d’aglio
-80 gr di granella di nocciole tostate

Cottura: pochi minuti (sino a che gli gnocchi salgono a galla)

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Preparazione: tagliare il pane a dadini e metterlo in una grande ciotola, coprirlo con il latte e lasciarlo in ammollo per mezz’ora.Trascorso questo tempo strizzare bene il pane, metterlo in una terrina e lavorarlo vigorosamente con una forchetta, in modo da ottenere un composto omogeneo.Inserire quindi l’uovo ed il tuorlo, il sale, il pepe ed il parmigiano.

Mescolare e aggiungere tanta farina, quanta necessaria ad ottenere un composto abbastanza consistente: la quantità suggerita è solo indicativa.Sul tavolo infarinato formare i classici salsicciotti e ritagliare gli gnocchetti.

Sciogliere il burro in una padella con lo spicchio d’aglio che poi andrà eliminato.Portare a bollore una capace pentola di acqua salata, tuffare pochi gnocchetti per volta e quando salgono a galla metterli direttamente dentro la pentola con il condimento.Quando tutti gli gnocchetti sono cotti spolverare con il parmigiano e la granella di nocciole.Io li ho impiattati aggiungendo alcune scaglie di parmigiano e le primule del mio giardino…

Et voilà… La primavera è servita!!!  A presto, Cristina.

BACI DI DAMA

Non c’è dubbio: già il nome indica la gentilezza e la bontà di questo dolcetto buonissimo, vanto della cucina piemontese.
I baci di dama nacquero circa un secolo fa nella città di Tortona: il nome venne loro dato per via della  forma che ricorda due labbra intente a baciare…
Piacciono un po’ a tutti e non c’è vassoio di pasticcini che non li veda protagonisti delle proposte secche.
Le ricette sono davvero tantissime; si possono infatti preparare con diversi ingredienti: con mandorle o nocciole, al cioccolato, con l’aggiunta di uova o meno.
Quella che vi vado a “raccontare” è la MIA versione: nocciole tostate, burro, zucchero e farina…
Una straordinaria bontà relativamente facile da realizzare, occorre solo un po’ di pazienza… Ma vi assicuro che ne vale proprio la pena.
Allora, vediamo insieme come si preparano questi baci deliziosi…

Ingredienti per 45 baci di dama:

-200 gr di nocciole tostate
-200 gr di burro morbido
-250 gr di farina bianca (00)
-200 gr di zucchero

Per farcire:
-200 gr di cioccolato fondente

Cottura: 18 minuti in forno preriscaldato a 170°
Difficoltà: media
Costo: basso

Preparazione: per prima cosa mettere nel mixer le nocciole tostate con lo zucchero.

Frullare sino ad ottenere una polvere fine.Aggiungere il burro morbido (tirato fuori dal frigo un ‘ora prima) e frullare nuovamente

Aggiungere la farina.Trasferire ora il composto in una ciotola e lavorare energicamente per amalgamare perfettamente gli ingredienti.

Foderare due placche del forno con l’apposita carta e formare delle palline grandi come nocciole (non di più, perchè crescono parecchio).

Infornare per il tempo previsto e fare raffreddare senza spostare i biscotti dalla placca, perchè è raffreddando che raggiungono la giusta consistenza: non fare cuocere di più, altrimenti diventano troppo duri.

Sciogliere il cioccolato a bagno maria, senza aggiungere alcunchè: prendere un biscotto, mettere al centro un pochino di cioccolato aiutandosi con un cucchiaino e “coprire” con un secondo biscotto.Visto che sarà il cioccolato a tenere uniti i due biscotti, vi insegno un barbatrucco: appoggiateli ai lati di una pirofila in modo che rimangano dritti (furba, neh,questa Chicchina?!).

Fare raffreddare… Et voilà, i baci sono pronti! 

Piacciono a tutti, anche al pettirosso, che ne ma mangiato UNO INTERO (poverino, aveva fame e poi… sono così buoni!!!).Tanti baci dalla Chicchina!!!!! A presto.

PESTO CON ZUCCHINE CRUDE E NOCCIOLE

Lo ammetto: ero un po’ diffidente anche io. L’utilizzo delle zucchine crude per un pesto mi lasciava al quanto perplessa.
Questo pesto è stato, invece, una piacevolissima sorpresa.Negli ultimi tempi, nel web, girano “pesti” di tutti i tipi: quello di zucchine andava ovviamente provato.
Ho elaborato la ricetta a mio gusto e sostituito i pistacchi e le mandorle che, generalmente, vengono utilizzati con le mie amate nocciole.
Posso dire?? Una bontà!! Buonissimo come condimento di una pasta e MERAVIGLIOSO spalmato su fette di pane casereccio leggermente grigliato, per bruschette buonissime e sfiziose.Per la buona riuscita di questa preparazione è necessario adottare alcuni accorgimenti: le zucchine devono essere piccine e freschissime, bisogna eliminare il più possibile la loro acqua di vegetazione e l’olio deve essere di buona qualità. Questo “pesto”, che poi un pesto vero e proprio non è, si conserva 3/4 giorni in frigorifero in un barattolo di vetro ed un velo di olio d’oliva in superficie… Ma come si fa a conservare una cosa così buona? SI MANGIA!!!Seguitemi che lo prepariamo insieme…

Ingredienti:
-200 gr di zucchine freschissime-70 grammi di nocciole (pelate e tostate)-70 grammi di parmigiano-30 grammi di basilico (meglio di più che di meno)-1 spicchio d’aglio piccolo-120 ml di olio extravergine d’oliva-sale-pepe nero macinato al momento
Cottura: /
Difficoltà: bassa
Costo:basso

Preparazione: lavare, asciugare, spuntare le zucchine e poi grattuggiarle alla julienne (con la gratuggia dai fori larghi).Cospargere leggermente le zucchine di sale e lasciarle riposare una decina di minuti affinchè eliminino l’acqua di vegetazione: strizzarle dunque molto bene e metterle nel mixer o nel minipimer con le nocciole, il parmigiano, lo spicchio d’aglio, il basilico lavato ed asciugato con delicatezza, il sale ed il pepe.

Aggiungere dunque poco olio della quantità prevista e azionare il mixer.
Dopo uno/due minuti aggiungere, a filo, tutto l’olio.

Ecco pronto il pesto di zucchine… Grazie per essere passati.
Un abbraccio.

FAGOTTINI DI PASTA FILLO CON ASPARAGI, NOCCIOLE E ASIAGO

La pasta fillo non si può ritenere solo un involucro: è essa stessa un ingrediente goloso da valorizzare, mi diceva la mia amica Eleni, grande cuoca di origine greca ed esperta nell’uso della fillo.La pasta fillo o phyllo (foglia in italiano) è una varietà di pasta sfoglia leggerissima, preparata in fogli sottili che devono essere spennellati con olio o burro per ottenere una cottura ottimale.Quando mi sono decisa ad utilizzarla, confesso di averlo fatto con un certo timore: non volevo deludere le aspettative della mia giudice tutta speciale… Però questo “battesimo” andava pur fatto e quindi mi sono messa all’opera: devo dire che il risultato, a detta dei miei commensali, è stato ottimo… Fortuna dei principianti? Mah, dico solo che d’ora in poi la utilizzerò spesso perchè il suo sapore mi ha letteralmente conquistata: è adatta alla preparazione di piatti sia salati che dolci e quindi… Questa non sarà che la prima ricetta che sperimenteremo con questa sfoglia particolare.Tornando ai nostri fagottini: sono composti da quattro strati di pasta fillo che racchiudono un ripieno composto da asparagi, Asiago e nocciole…
Il mio figlio maggiore mi ha detto: “Mamma, è una delle ricette più buone che hai preparato ultimamente”. Me lo dice tutte le volte… Che sia di parte??

Ingredienti per 4 fagottini:
-1 confezione di pasta fillo da 120 grammi (io Stuffer)-100 grammi di punte di asparagi
-1 spicchio d’aglio
-poco brodo vegetale (anche di dado)-100 grammi di Asiago fresco-40 grammi di granella di nocciole-1 uovo + 1 tuorlo-30 grammi di parmigiano reggiano grattugiato-sale-pepe bianco
-semi di sesamo q.b.-4 cucchiai di olio d’oliva più quello necessario per spennellare la pasta fillo-erba cipollina q.b.

Cottura: 10 minuti per cuocere gli asparagi +20 minuti in forno preriscaldato a 170° per i fagottini
Difficoltà: media
Costo: basso

Preparazione: pulire gli asparagi, raschiare i gambi ed eliminare la parte legnosa; tagliarli a pezzetti e lavarli ripetutamente.Cuocerli direttamente in padella con 4 cucchiai di olio,  lo spicchio d’aglio vestito e schiacciato con il palmo della mano, sale e pepe bianco.
Tirare a cottura aggiungendo, quando necessario, poco brodo vegetale.
Fare quindi raffreddare.Dividere ogni foglio di fillo in quattro parti e spennellarle con l’olio.

In una ciotola preparare il ripieno composto dagli asparagi cotti, l’Asiago tagliato a dadini, la granella di nocciole, il parmigiano e il tuorlo d’uovo; aggiustare di sale e di pepe.Oliare quattro cocottine e rivestirle ognuna con quattro fogli di fillo sovrapposti.

Posizionare al centro di ogni fagottino un quarto del ripieno preparato

 e richiuderlo utilizzando uno stelo di erba cipollina.
Spennellare la superficie del fagottino con poco uovo sbattuto e terminare con semi di sesamo.
Infornare nel forno già a temperatura e, se le estremità dei fagottini si colorano eccessivamente,  coprire con un foglio di carta alluminio.
Ecco fatto: i fagottini sono pronti, profumati e buonissimi…

Grazie di essere passati di qui, Cristina!

STORDINI DI FRUTTA

Chissà se si chiamano proprio così?! Così li chiama la SECO….giovane ragazza di ottantacinque anni che me li prepara ogni volta che vado a trovarla…santa donna! La Seco è una forza della natura: una rossa vera, che alla nascita  pesava nove etti ma è partita in quarta sin dall’inizio….fa le scale in retromarcia alla velocità della luce…”Solo perché mi fa male il menisco” dice.Va in macchina e fa certe manovre che io non mi sogno di azzardare….certo, mi è capitato di suggerirle di cambiare la marcia quella volta che faceva i settanta all’ora ed era in seconda!!!!Dicevo: gli stornini me li prepara sistematicamente, in maniera compulsiva; non conosco la provenienza di questa ricetta, penso che possa essere frutto della sua fantasia..anzi è quasi una certezza!!!
Ingredienti:

-300 gr di farina
-200 gr di zucchero
-50 gr di burro morbido
-100 gr di frutta secca(io uvetta e nocciole, ma si possono usare noci, albicocche secche o mandorle, a seconda del gusto)
-2 uova intere + 1 tuorlo
-1/2 bustina di lievito
-1 pizzico di sale

Cottura: 5/7 minuti la pima e 5/7 minuti la seconda

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Preparazione: premetto che userò dei termini un po’ simpatici per descrivere i procedimenti, ma mi piace riportare la spiegazione che mi ha fornito la SECONDINA…..I biscotti si chiamano così perché letteralmente sono cotti due volte. Quindi questi sono proprio tali. Ecco come li fa la mia rossa preferita: per prima cosa tritare la frutta secca scelta, è consigliabile non mescolare troppo i sapori, quindi due tipologie di frutta possono bastare.In una TERRINA unire la farina mescolata al lievito, lo zucchero, il sale,ed il burro morbido; unire poi la frutta tritata  e le uova; impastare fino a che le mani rimangono perfettamente pulite (quindi l’impasto è ben amalgamato).Fare un “salame” lungo venticinque centimetri, dividerlo ulteriormente in 4/6 “salamini”,adagiarli su una teglia rivestita di carta forno e infornare in forno preriscaldato per cinque/sette minuti; sfornare e tagliare DI SBIECO formando così i biscotti (come i cantucci per rendere l’idea) .Infornare nuovamente per cinque /sette minuti ed ecco fatto , sentirete come sono buoni!!! Li ha fatti la SECO per me….”ne vuoi ancora gioia?”……Sì, per sempre!!!