MELANZANE RIPIENE VEGETARIANE

Le ultime melanzane dell’orto meritavano una ricetta golosa come questa; devo dire che quest’anno ho davvero potuto sbizzarrirmi: la raccolta è stata più che abbondante… le ho preparate in tantissimi modi: a funghettoalla parmigianapizzettepolpette  ecc, ecc..Con questo ripieno, devo dire, sono proprio una bontà; la preparazione è semplice, a prova di vera inesperta, e può rappresentare un secondo appetitoso o anche un piatto unico se accompagnate da una fresca insalatina o da patate al forno.Se amate le melanzane come me vi suggerisco di provare questa ricetta, magari raddoppiando le dosi  perché sono buonissime anche il giorno successivo la loro preparazione.Le melanzane vanno tagliate a metà, scavate, bollite brevemente e quindi riempite generosamente con la farcia di cui ora vi parlerò…tutti in cucina!!!

Ingrediente:-2 melanzane (preferibilmente lunghe, io ho usato quelle tonde)-1 panino raffermo-2 cucchiai di latte-1 uovo grande-250 gr di mozzarella-2 cucchiai di parmigiano grattugiato-1 cucchiaio di capperi-2 cucchiai di olive-una ventina di pomodorini-sale-pepe nero-prezzemolo-2 spicchi d’aglio-olio d’oliva q.b.-brodo vegetale q.b.
Cottura: 5 minuti x sbollentare le melanzane+ 10 minuti per rosolare la polpa delle melanzane + 40 minuti in forno a 190° x la preparazione finita
Difficoltà: bassa
Costo: basso
Preparazione: tagliare le melanzane a metà nel senso della lunghezza, scavarle internamente lasciando 1,5 centimetri di polpa.Scaldare un generoso filo olio con i due spicchi d’aglio, aggiungere la polpa ricavata dalle melanzane tagliata a pezzettini, salare, pepare, profumare con il prezzemolo. e lasciare insaporire per qualche minuto.

 Unire le olive, i pomodorini tagliati a metà, i capperi  e continuare la cottura per altri cinque minuti, eliminare gli spicchi d’aglio e fare raffreddare.In una terrina mettere il pane a piccoli pezzi, l’uovo, il latte, il parmigiano e la mozzarella a pezzettoni; mescolare e aggiungere la polpa di melanzana insaporita in padella con i pomodorini, i capperi e le olive. Mescolare molto bene per distribuire gli ingredienti.Salare leggermente i “gusci” di melanzana cotti precedentemente, adagiarli in una teglia foderata con carta forno e riempirli in modo generoso con la farcia.Spolverare le melanzane con un mix di pangrattato e parmigiano, irrorare con un filo d’olio e aggiungere qualche cucchiaio di brodo vegetale sul fondo della teglia, quindi e infornare per circa quaranta minuti.

A questo punto le melanzane sono pronte, non mi resta che darvi appuntamento alla prossima ricetta, un abbraccio, la Chicchina.

FOCACCIA CON OLIVE, POMODORINI E FORMAGGIO

FOCACCIA CON OLIVE, POMODORINI E FORMAGGIO

La focaccia a casa piace davvero a tutti, a parer mio non esiste nulla di più goloso ed invitante. Quella di cui vi voglio parlare oggi è soffice, altissima e farcita con pomodorini, olive e (tanto per non farci mancare nulla) pezzettoni di toma dolce che potrete sostituire con fontina, asiago o caciotta.La ricetta è semplicissima, come di consueto, e vi farà fare un figurone; può rappresentare una cena alternativa, una merenda golosa e sarà perfetta nel vostro cestino da pic nic.Si mantiene morbidissima anche il giorno dopo la sua preparazione ma è difficile che ne avanzi… Una fetta dopo l’altra va giù che è un piacere, magari accompagnata da un vinello fresco frizzante o da una birra ghiacciata.Vediamo allora come preparare questa bontà…

Ingredienti per uno stampo rotondo con 26 cm di diametro:
Per l’impasto:
-300 gr farina 00-200 gr manitoba-300 ml di acqua tiepida-3 cucchiai di olio extravergine d’oliva-1 cucchiaino raso di sale-1 cucchiaino di zucchero-12 gr di lievito di birra fresco 
Per la salamoia:
-3 cucchiai di olio extravergine d’oliva-3 cucchiai d’acqua-20 gr di sale
Per farcire:
-20 olive grosse denocciolate-20 pomodorini-100 gr di toma dolce (o altro formaggio a voi gradito)-origano

Cottura: 25 minuti in  forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: sciogliere il lievito nell’acqua tiepida con il cucchiaino di zucchero e attendere quindi che si formi la classica schiumetta (ci vorranno circa dieci minuti).Versare le due farine in una grande ciotola, formare la fontana e aggiungere l’acqua con il lievito.Mescolare brevemente e inserire l’olio e il sale.Impastare molto bene, sino a quando sulla superficie dell’impasto si saranno formate delle bollicine. A questo punto formare una palla e metterla in una ciotola unta d’olio: coprire dunque con la pellicola alimentare e fare lievitare due ore, o comunque fino al raddoppio (dipende dalla temperatura dell’ambiente).Passato questo tempo stendere l’impasto in uno stampo rotondo con diametro 26 cm, rivestito con l’apposita carta.Preparare la salamoia (sciogliendo il sale insieme all’olio e all’acqua previsti per questa preparazione) e versarne due terzi sulla superficie della focaccia.Tagliare i pomodorini a metà e “infilarli” dentro la focaccia, facendo la stessa cosa anche con le olive e i pezzetti di formaggio tagliati a quadrotti. Spolverare con l’origano e fare nuovamente lievitare la focaccia per una quarantina di minuti coperta con la pellicola alimentare.Preriscaldare il forno alla temperatura indicata e infornare per il tempo previsto. A cottura, spennellare nuovamente la focaccia con la salamoia rimasta.Un consiglio: per ottenere una focaccia più morbida inserire nel forno una ciotola piena d’acqua.

Un abbraccio, la Chicchina.

PASTA ALLO SCARPARIELLO

La pasta allo scarpariello è una ricetta tipica della tradizione napoletana: nasce nei quartieri spagnoli ad opera delle mogli degli “scarpari” (calzolai) che spesso venivano pagati con pezzi di formaggio.Si tratta di una preparazione golosa e veloce da realizzare: si prepara un sugo con pomodorini freschi,  aglio e basilico, si cuoce la pasta al dente e si termina la cottura direttamente nella padella del sugo condendo il tutto con  parmigiano, pecorino e un filo di olio a crudo. In origine, al posto del sugo di pomodorini, veniva utilizzato il ragù avanzato dalla domenica.I formati di pasta utilizzati per questa preparazione sono preferibilmente i paccheri, gli ziti, le penne e i rigatoni, mentre i formati di pasta “lunghi” non sono indicati.Vediamo allora come preparare questo primo semplice dal sapore meraviglioso…

Ingredienti per 4 persone:-400 gr di paccheri
-400 gr di pomodorini
-40 gr di pecorino grattugiato
-40 gr di parmigiano grattugiato
-4 cucchiai di olio d’oliva
-sale
-peperoncino
-basilico

Cottura: 15 minuti per il sugo di pomodorini + il tempo necessario per la cottura della pasta

Difficoltà: bassa

Costo: bassoPreparazione: mettere l’olio in un tegame, aggiungere l’aglio tagliato a pezzi e farlo dorare dolcemente; aggiungere quindi il peperoncino tritato e i pomodorini, salare, fare cuocere per una quindicina di minuti ed eliminare l’aglio.

Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Scolarla al dente e versarla direttamente nella padella del sugo: abbassare dunque la fiamma al minimo e mescolare bene. Da ultimi inserire il pecorino e il parmigiano grattugiati, rigirando bene il tutto per amalgamare gli ingredienti. Spezzettare le foglie di basilico fresco e servire ….

Buon appetito con questa semplice bontà, un abbraccio…

GRATIN DI PATATE E FONTINA

Il gratin di patate è un vero jolly: si prepara in un attimo e, in genere, mette tutti d’accordo. Si tratta di una ricetta gustosa e golosissima specie se, come me, gli si aggiunge del formaggio filante: io ho scelto una dose generosa di fontina, ma potrete utilizzare il formaggio semi-stagionato che avete a disposizione (asiago, toma giovane, taleggio ecc).La ricetta, come dicevo, è facile e veloce e si presta a mille varianti: è possibile aggiungere del prosciutto cotto, dei dadini di salame o – perché no?! – qualche acciughina.Può essere consumato caldo, tiepido ed è buonissimo anche il giorno dopo riscaldato: le patate infatti non diventeranno dure grazie alla crema di uova, latte e formaggio che viene aggiunta prima della cottura del gratin.Allora dai che lo prepariamo insieme…

Ingredienti:
-800 gr di patate-200 gr di fontina-350 ml di latte-2 tuorli-burro morbido-pangrattato-sale-pepe-noce moscataCottura: 10 minuti per lessare le patate + 20 minuti in forno preriscaldato a 200°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: pelare le patate e tagliarle a fette di un centimetro.Farle cuocere in acqua salata per dieci minuti e farle intiepidire. Nel frattempo mettere il latte in una ciotola, aggiungere i due tuorli, un pizzico di sale, di pepe, di noce moscata, e la fontina grattugiata alla julienne e mescolare bene per distribuire gli ingredienti.Imburrare una teglia con diametro ventotto centimetri e fare un primo strato con le fette di patata leggermente sovrapposte: salare e aggiungere dei fiocchetti di burro.Continuare con un secondo strato di patate e aggiungere il miscuglio di latte, tuorli e formaggio.Spolverare la preparazione con abbondante pangrattato e parmigiano.Terminare con fiocchetti di burro ed infornare in forno preriscaldato alla temperatura indicata.

Il nostro gratin è pronto, vi abbraccio, la Chicchina.

SFORMATO DI PANE E FORMAGGIO

Pane e formaggio… Una delle cose più buone per me!! Se ho del pane raffermo mi piace “riciclarlo” creando piatti golosi.In inverno, preparo spesso questo sformatino: gli ingredienti? Pane raffermo e il formaggio che c’è, anche di diverso tipo, il tutto ammorbidito ed arricchito con un composto di latte, uova e parmigiano… Golosità allo stato puro!
Si tratta di un piatto sostanzioso, ma si mangia quello e stop: così i sensi di colpa stanno a zero.Visto che lo preparo nei mesi freddi, approfitto del forno della mia BELLISSIMA stufa rossa: ogni pietanza che esce da lì ha un sapore particolare, ma anche preparandolo in un comune forno il risultato è ottimo.Allora, se in dispensa c’è un po’ di pane raffermo e nel frigo c’è del formaggio in cerca d’avventura seguitemi che, in quattro e quattr’otto, mettiamo insieme questa bontà…

Ingredienti per una pentola di coccio con diametro di 22 cm:
-pane raffermo (circa 4 panini)-350 gr di caciotta o altro formaggio -400 ml di latte-2 uova-80 gr di parmigiano grattuggiato (40 gr per il miscuglio e 40 per spolverare gli strati)-sale-pepe-fiocchetti di burro

Cottura: 20 minuti in forno preriscaldato a 180°
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: tagliare i panini a fette spesse circa un centimetro e mezzo.Preparare un miscuglio con il latte, le uova, metà parmigiano, sale e pepe.
Disporre le fette di pane nel fondo di un tegame di coccio e premere con il dorso di un cucchiaio per creare uno strato compatto.Tagliare il formaggio a fette e disporlo sopra lo strato di pane, spolverare con il parmigiano e bagnare con un po’ del miscuglio di latte.

Procedere così fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando possibilmente con uno strato di pane.Irrorare la superficie con il latte e distribuire dei fiocchetti di burro.

Infornare in forno caldo per il tempo previsto, o comunque sino a che non si sarà formata una bella crosticina.
Per il forno a legna i tempi sono diversi, si va ad occhio…Sfornare lo sformatino e gustarlo in allegria!Un abbraccio, a presto. Cristina.

FOCACCIA FARCITA

Adoro le focacce: questa è proprio golosa, ma ha un difetto:dura poco; è di semplice esecuzione e si può consumare sia calda che fredda.

Ingredienti:
-400di farina(00)-2 cucchiai di olio extravergine-220 ml di acqua-1 bustina di lievito di birra secco-2 cucchiaini di zucchero-sale q.b.-1 cucchiaino di sale, 2 cucchiai di olio e 2 di acqua per spennellare la superficie-per farcire: 1 panetto di mozzarella-150 gr di fontina -100 gr di prosciutto cotto
-latte per spennellare la superficie

Cottura: 18 minuti in forno preriscaldato a 200°
Difficoltà: bassa
Costo: medio

Preparazione: fare la fontana con la farina, al centro mettere l’olio, lo zucchero, il lievito di birra e il sale.Impastare con l’acqua ottenendo una pasta morbida ed elastica da far lievitare per un’ora in una ciotola coperta con un canovaccio.Dopo questo tempo dividere l’impasto in due panetti e stenderli fino a formare due cerchi grandi tanto da ricoprire uno stampo di diametro 26 cm: uno dei due cerchi deve essere un pochino più grosso perché deve ricoprire il fondo dello stampo.Stendere la base sulla teglia, ricoprire con la mozzarella tagliata a fettine, aggiungere la fontina e, da ultimo, il prosciutto a fette.Ricoprire con il secondo disco di pasta premendo bene nei bordi con i rebbi di una forchetta.Spennellare la superficie con il latte 

ed infornare per il tempo previsto fino ad avere una leggera doratura.Il successo è garantito! La focaccia è pronta, un abbraccio, La Chicchina

“PANINI” AL FORMAGGIO DI POLENTA FRITTI

Ormai è ora di parlare di polenta… Stamani il termometro segnava 7°: temperatura un po’ esagerata per il periodo, ma è ben chiaro che ormai il caldo, quello vero, per quest’anno è finito.Il piatto biellese più conosciuto è la polenta concia: una splendida polenta leggermente morbida arricchita con formaggi e burro d’alpeggio… Un piatto dalla bontà indescrivibile: golosità allo stato puro.Quando arrivano i primi freddi, come dicevo, ogni tanto preparo la polenta: vicino ad un piatto succulento o, semplicemente, con un pezzo di formaggio buono si mangia proprio volentieri. Ne faccio sempre un po’ di più, quella avanzata la griglio o la reinvento preparando magari un pasticcio.Da tempo pensavo alla possibilità di friggerla a fette, impanata e farcita; allora oggi mi sono messa all’opera… Il risultato? Una delizia che permette di riutilizzare sia la polenta avanzata, che gli avanzi di formaggio (o quello che più piace).Viste tutto le premesse, che ne dite di andare a cucinare?

Ingredienti:
-polenta fredda-formaggio (io Asiago fresco)-2 uova-3 cucchiai di latte-sale-pepe nero-3 cucchiai di pangrattato-3 cucchiai di farina bianca-2 cucchiai di farina gialla-olio di semi per friggere
Cottura: 7/8 minuti di frittura in totale
Difficoltà: bassa
Costo: basso

Preparazione: l’esecuzione di questa ricetta è molto semplice e le dosi sono un po’ approssimative, ma quel che conta è il procedimento, per il resto si va un po’ ad occhio e un po a gusto…Fare una polenta secondo la propria ricetta .Farla raffreddare  e quindi tagliarla a fette rettangolari spesse un centimetro.

Tagliare delle fette di formaggio grandi come i rettangoli di polenta, adagiarli sulle fettine di polenta precedentemente ritagliate e coprire con una seconda fettina;  premere molto bene per compattare i nostri “panini”.

Sbattere in una ciotola le uova con il sale, il pepe e il latte.Preparare una panure con la farina bianca, quella gialla e il pangrattato.Passare i panini di polenta nell’uovo e quindi nella panure; ripetere questa operazione una seconda volta cercando di sigillare bene i bordi.

Scaldare una padella con l’olio di semi e friggere i panini da entrambi i lati sino a che sono ben dorati e croccanti.
Scolare e passare su carta assorbente, salare e… mangiare in allegria.
Vi aspetto sempre qui… Grazie di essere passati.
La Chicchina.